Berlusconi, «Operazione amicizia»

Da: Il Resto Del Carlino

09 agosto 2006

Berlusconi, «Operazione amicizia»

"La specificità risiede nella miniaturizzazione degli strumenti, aghi particolari che consentono una tecnica raffinata. Ma il segreto, che tale non è, è la pratica. Io sono un autodidatta in questo campo, ho studiato all'estero, in Francia ad esempio ho tenuto workshop in Sudamerica. Conta però il lavoro"

Il chirurgo Rosati

Berlusconi? Era qui a Ferrara solo per un amico

di Stefano Lolli

«A Villa La Certosa? Ma và, in questo momento sono in aeroporto. Sto rientrando a Ferrara, e comunque sono in ferie». La risata al telefonino è squillante, i modi garbati e al tempo stesso tattici. Piero Rosati, chirurgo estetico che venerdì scorso ha accolto nel suo studio di via Piangipane il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, dribbla le domande incalzanti. E prova persino a smentire. «Il presidente è venuto a Ferrara per un controllo, ed ha accompagnato un amico»
- Prendiamo atto della versione ufficiale: immagino che non ci dirà chi è un amico così importante da avere per scorta addirittura il premier.
«Immagina bene. Sa, c'è quella cosa, la privacy...»
- Però a Ferrara molti si sono accorti della presenza di Berlusconi.
«Che vuole, è un uomo notissimo. Qualcuno dice d'averlo visto, altri hanno riconosciuto gli uomini della scorta. Pure loro, in fondo sono personaggi televisvci...»
- Anche lei ormai gode di grande popolarità: sia per il rapporto con il premier, sia perchè la sua tecnica di trapianto dei capelli funziona benissimo. «Mi consegna di essere orgoglioso di entrambe le cose. Con Berlusconi c'è un rapporto di cordialità e, oso dire, di amicizia. E' un grand personaggio. Per quanto riguarda la tecnica chirurgica, sto mettendo a frutto anni di studio».
- Qual è il segreto?
«La specificità risiede nella miniaturizzazione degli strumenti, aghi particolare che consentono una tecnica raffinata. Ma il segreto, che tale non è, è la pratica. Io sono un autodiddatta in questo campo, ho studiato all'estero, in Francia ad esempio, ho tenuto workshop in Sudamerica. Conta perà il lavoro. Mi sento un pò un orologiaio: la prima volta che monti un meccanismo hai difficoltà, poi...»
- Poi arriva Berlusconi e la fama diventa planetaria.
«Già. Pensi che sabato mi è arrivato un sms di un suo collega, dalla Cina: 'la notizia è giunta sin qua...', diceva»
Dunque notizia innegabile.
«Il presidente è venuto a Ferrara per un controllo, ed ha accompagnato un amico»
- Ok. Ci può dire almeno come avete vissuto la giornata 'blindati' in via Piangipane, sotto assedio di giornali e tv?
«Io non me ne rendevo conto, ero in sala operatoria. Li ho visti, pardon, vi ho visti solo per un attimo»
. - E Berlusconi?
«Penso che lui sia abituato a un pressing ben più martellante»
. - Torniamo all'intervento. E' doloroso, lascia segni?
«Assolutamente no. E' questo uno degli aspetti migliori della tecnica di cui mi sono impratichito»
. - E che ora, grazie all'«effetto Berlusconi», la riempie di lavoro.
«Ringrazio soprattutto Dio, le cose vanno benino».
- Si sussurra di tanti altri vip nel suo studio.
«Non vorrà a fare le poste anche a loro!(Rosati ride, ndr) Comunque la cosa che dà più soddisfazione è che la gente non si accorge che tanti personaggi famosi perdono i capelli perchè noi glieli sostituiamo mano a mano che cadono...»
. - E come fate?
«Artigianalmente. Prendendoli dalla zona laterale e posteriore della testa e reimpiantandoli, uno a uno. L'effetto è magnifico».
- Miracoloso...
«No, niente miracoli. Se uno arriva con la testa alla Yul Brinner non uscirà mai con una chioma alla Branduardi».
- Chiudiamo con Berlusconi. Venerdì, nella concitazione, c0pera chi diceva che il mitico 'amico', fosse il fratello Paolo.
«Questo proprio lo escludo. Se fosse stato lui, non crede che saremmo stati tutti felici di vedere Natalia Estrada?»
- Silvio, invece, sotto i 'ferri' come si comporta?
«E' una persona serena, con una gran capacità di sdrammatizzare».
- Vede, è crollato. Ha ammesso.
«Il presidente è venuto a Ferrara per un controllo, ed ha accompagnato un amico».

 
Il Resto Del Carlino - Berlusconi, «Operazione amicizia» - Pag. 1Il Resto Del Carlino - Berlusconi, «Operazione amicizia» - Pag. 2