Alcune domande sul trapianto di capelli

Quando, dopo l’intervento si può iniziare a lavare i capelli?

Il primo shampoo potrà essere effettuato il terzo giorno dopo l’intervento e verrà effettuato tutti i giorni per i primi 15 giorni con un detergente idoneo, quindi si potranno riprendere i lavaggi con lo shampoo desiderato.

Quante sedute sono necessarie?

Con tale tecnica vengono trasferiti il massimo dei capelli possibile per una seduta, nonostante ciò, nella maggior parte dei casi, sono necessari più di un intervento in rapporto al grado di calvizie ed alle aspettative del paziente.

Cosa succede dopo l’intervento sulla parte operata?

Dopo l’intervento su ogni tagliettino si formerà una piccola crosticina. A cicatrizzazione avvenuta la crosticina si staccherà lasciando un segnetto rosato che con il tempo tenderà a schiarirsi. Con la crosticina potranno cadere anche i capelli ad essa inglobati, non bisognerà preoccuparsi; dalla zona trapiantata dopo circa tre mesi cominceranno spuntare i nuovi capelli che cresceranno con il ritmo e modalità simili alla loro sede di origine. I punti di sutura dell’area donatrice verranno rimossi dopo 7-10 giorni dall’intervento.

E’ possibile che i capelli non ricrescano?

Premesso che la chirurgia non è una scienza esatta, nella mia esperienza non ho mai riscontrato pazienti che lamentassero assenza di crescita dei capelli.

Vi può essere il rigetto dei capelli trapiantati?

Assolutamente no in quanto i capelli trapiantati provengono dallo stesso paziente e come tali riconosciuti dall’organismo.

Qual è la durata di un intervento?

L’intervento dura circa 3-5 ore.

Che distanza deve intercorrere tra una seduta e l’altra?

La distanza consigliata tra una seduta e l’atra è di almeno sei mesi.

E’ possibile migliorare esiti non estetici di pregressi interventi sul cuoio capelluto?

Alcune metodiche chirurgiche della correzione della calvizie utilizzate nel passato hanno dato risultati estetici scadenti, ad esempio l’aspetto dei capelli a “ciuffi di bambola” o a “spazzolino”, l’aspetto innaturale dei capelli di alcune correzioni eseguite con la “rotazione dei lembi”, gli esiti cicatriziali conseguenti all’impianto di capelli artificiali. Tutti questi disestetismi possono essere corretti con le moderne tecniche di autotrapianto di capelli.